• Piazza del Popolo 3 00187 Roma
  • (+39) 06 32650892
  • segreteria@sanasidarpe.it
Notizie - Eventi
BANCA CARIGE: SANASI D'ARPE, NECESSARIO STATO PER TUTELA RISPARMIO
 

11/01/2019 12:47

MILANO (MF-DJ)--"In questo momento di profonda incertezza della vicenda di Banca Carige, e' opportuno tenere presente che l'esercizio del credito e la tutela del risparmio e' e rimane la ragion d'essere dell'istituto bancario. Ritengo pertanto assolutamente opportuno l'intervento del Governo che sta valutando l'ipotesi della pubblicizzazione della banca. Come ho gia' riferito in altre circostanze, ricordo l'esperienza passata delle c.d. BIN (Banche d'interesse nazionale), che a suo tempo ha significato la crescita degli istituti di credito nazionali e ha contribuito in modo significativo allo sviluppo della grande industria pubblica e privata". Questo il commento di Vincenzo Sanasi D'Arpe, docente di Diritto dell'Economia ed esperto di gestione della crisi e del risanamento d'impresa presso l'Universita' Guglielmo Marconi in merito alla vicenda di Banca Carige. Secondo Sanasi, "l'intervento dello Stato nel capitale e' subordinato al rispetto di regole europee che abbiamo recepito nel nostro ordinamento molto tempo dopo che altri paesi, tra cui la Germania, avevano gia' messo in sicurezza le proprie Banche con soldi pubblici. In questo caso, reputo piuttosto opportuno richiamare l'attenzione sui rimedi specifici per la gestione delle crisi degli istituti bancari e ancor piu' sul sistema dei controlli interni ed esterni del settore creditizio. Lo scenario e' complesso e in divenire, ma ritengo che l'intervento del Governo sia in linea con la tutela dei correntisti e dei lavoratori", ha concluso. com/fch (fine) MF-DJ NEWS

segnali di allarme per prevenire le crisi d'impresa
 

Di Vincenzo Sanasi D'Arpe

Il ministero della Giustizia ha recentemente licenziato lo shema di decreto legislativo contenente il <<Codice della crisi di impresa e dell'insolvenza>>, in attuazione della legge 19 ottobre 2017 n.155. Il testo dovrebbe ora approdare nuovamente in Consiglio dei ministri ed entrare in vigore dopo 18 mesi dalla pubblicazione in G.U.